Foto-120907_-013
Foto-120907_033
Foto-120907_092
Foto-120907_073
Foto-120907_063
Miniolimpiadi di Falconara
Lo sport che unisce
5 Giugno 2019
Raffineria aperta: è di scena la Sostenibilità
Raffineria aperta: è di scena la Sostenibilità
18 Ottobre 2019

Animus Youth Games, vincono sport e inclusione

Animus Youth Games 2019

Ancona protagonista dello sport

Dal 27 al 29 settembre sono tornati nel capoluogo dorico i Giochi giovanili dell’Adriatico e dello Ionio, diventati Animus Youth Games, grazie anche al progetto europeo Animus (Adriatic Ionian Games for Social Inclusion), cofinanziato dal programma Erasmus+ della Commissione Europea. Un migliaio i partecipanti tra atleti, tutti tra i 15 e i 16 anni, e accompagnatori provenienti da 16 Paesi e impegnati in 9 discipline sportive. Nati nel 2014 da un’idea dell’assessore allo Sport del Comune di Ancona Andrea Guidotti in collaborazione con l’assessore alle Relazioni Internazionali e al Porto Ida Simonella, gli Youth Games, progetto pilota con dimensione internazionale, sono stati replicati con successo per la terza volta.

Spirito dell’iniziativa, che annovera tra i sostenitori anche api raffineria, da sempre vicina al mondo dello sport giovanile inteso come strumento di educazione e di crescita, quello di promuovere l’integrazione e l’inclusione tra i popoli e la diffusione dei valori della cittadinanza europea. “La manifestazione” ha ricordato l’Assessore allo Sport del Comune di Ancona Andrea Guidotti “nasce per unire i giovani in un’Europa unita“. Nei campi di gioco gli atleti oltre a gareggiare hanno sviluppato, di fatto, un dialogo interculturale con la finalità di promuovere l’inclusione sociale e la consapevolezza di far parte della Macroregione.

Il progetto vanta inoltre il supporto di numerosi enti: Iniziativa Adriatico Ionica, CIP, Organizzazione Croata del Comitato Paralimpico, CONI Marche, Comitato per le Pari Opportunità della Regione Marche, EURES Marche, Europe Direct Regione Marche, FAIC, Forum AIC, Associazione italiana Instagrammers, Dipartimento per l’Emigrazione, Sport e Giovani della Regione Marche, Ufficio Scolastico Regionale Marche, SAPE, TECLA, Università degli studi di Camerino, Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”, USSI, AVIS Marche, CSV Marche, Marina Militare.

Durante l’evento è stato siglato anche un patto di amicizia tra la città di Ancona e la città serba di Sabac, preludio all’ingresso della Serbia, dopo 20 anni di attesa, nel Forum delle Città Adriatico – Ioniche (Faic). Con il patto le due città intendono instaurare legami di amicizia tra le proprie comunità, promuovere scambi di esperienze, iniziative turistiche, economiche, sportive e culturali.

A chiudere l’edizione 2019 degli Animus Youth Games la cerimonia di premiazione degli atleti in Piazza Cavour dinanzi alle Autorità, che ha visto salire sul podio i migliori di ogni disciplina.

youth games