Foto-120907_-013
Foto-120907_033
Foto-120907_092
Foto-120907_073
Foto-120907_063
Raffineria
La raffineria rinnova l’SGI
16 settembre 2015
Estate 2016 ……… FAI cultura a Portonovo
1 luglio 2016

È tornato a svettare il cavallino dell’api

Dopo oltre due anni all’api si riaccende il cavallino nero, simbolo storico della raffineria e segno distintivo per l’intera città di Falconara.

La sagoma del cavallo, alto 10 metri, è illuminata da luci a led e svetta sulla raffineria di Falconara fissata ad un palo di 30 metri. La cerimonia di accensione si è tenuta lo scorso 22 dicembre alla presenza del presidente di api anonima Ugo Brachetti Peretti, dell’amministratore delegato di api raffineria Ing. Giancarlo Cogliati e del primo cittadino di Falconara Goffredo Brandoni.

cavallo nero api raffineria

Rivisto e rinnovato, la novità più evidente del cavallino è la doppia sagoma che lo rende visibile sia in direzione Nord che in direzione Sud.
La valenza simbolica, il valore del brand per l’azienda e per il territorio tutto sono stati illustrati da Cristiana Colli, specialista di design, brand e architettura che ha sottolineato come il cavallo dell’api “sia il simbolo della storia industriale della città e anticipi un nuovo modello di sviluppo proiettato verso un sistema sostenibile”.

L’idea del cavallo nero quale simbolo distintivo dell’azienda petrolifera fu del fondatore Nando Peretti che intorno agi anni ’60 decise, attraverso un concorso nazionale, di sfidare il cane a sei zampe di Eni e la tigre di Esso. Ad aggiudicarsi il premio messo in palio dalla compagnia petrolifera, pari ad un milione delle vecchie lire, fu una studentessa ventenne dell’Accademia delle Belli Arti di Roma che disegnò il cavallo nero al galoppo quale simbolo di libertà e di potenza.

cavallo nero illuminato“Restaurare e rinnovare il cavallo” ha commentato il Presidente Ugo Brachetti Peretti “dimostra la volontà dell’azienda di rimanere sul territorio e continuare a correre”.

“La raffineria con il suo cavallino” ha aggiunto il primo cittadino “rimane il simbolo della città per chi arriva sia da Nord che da Sud”.